Versione accessibile
 
Homepage
Cerca nel sito
Mappa del sito
Contatti
 
  Anno scolastico 2012/2013

  Le scuole del Circolo

  Modulistica

  Piano dell'Offerta Formativa




CLASSE QUINTA

DIREZIONE DIDATTICA

 I CIRCOLO RIMINI

                                                 

 

 

 

 

ANNO SCOLASTICO 2010/2011

PROGETTAZIONE ANNUALE

 

CLASSE   V


 

AREA

LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA

 

 

ITALIANO

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

 

L’ALUNNO/A:

 

·        PARTECIPA A SCAMBI COMUNICATIVI CON COMPAGNI E DOCENTI (CONVERSAZIONI, DISCUSSIONI, SCAMBI EPISTOLARI…) ATTRAVERSO MESSAGGI SEMPLICI, CHIARI E PERTINENTI.

·        COMPRENDE TESTI DI DIVERSO TIPO, NE INDIVIDUA IL SENSO GLOBALE E/O LE INFORMAZIONI PRINCIPALI.

·        LEGGE TESTI LETTERARI DI VARIO GENERE (A VOCE ALTA, CON TONO ESPRESSIVO, CON LETTURA SILENZIOSA E AUTONOMA), RIUSCENDO A FORMULARE SU DI ESSI SEMPLICI PARERI PERSONALI.

·        PRODUCE TESTI (DI INVENZIONE, PER LO STUDIO, PER COMUNICARE) E LI RIELABORA.

·        SVILUPPA GRADUALMENTE ABILITA’ FUNZIONALI ALLO STUDIO, ESTRAPOLANDO DAI TESTI SCRITTI INFORMAZIONI UTILI SU UN DATO ARGOMENTO ED UTILIZZANDO UN PRIMO NUCLEO DI TERMINOLOGIA SPECIFICA.

·        SVOLGE ATTIVITA’ ESPLICITA DI RIFLESSIONE SULLA LINGUA SU CIO’ CHE SI DICE O SI SCRIVE, SI ASCOLTA O SI LEGGE.


 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

 

A. ASCOLTARE E PARLARE

1.   Interagire in una situazione, formulando domande e dando risposte pertinenti.

2.  Cogliere il senso essenziale di un discorso.

3.  Comprendere le informazioni principali di esposizioni, istruzioni, messaggi trasmessi dai media.

4.  Ascoltare e comprendere il contenuto di vari testi, letti dall’insegnante.

5.  Esprimere con chiarezza un’esperienza, rispettando l’ordine cronologico e/o logico.

6.  Arricchire progressivamente il patrimonio lessicale, utilizzando sottocodici specifici delle discipline.

7.  Organizzare un breve discorso orale su un tema affrontato o su un argomento di studio.

 

B.  LEGGERE

1.      Acquisire il piacere e la motivazione a leggere.

2.    Leggere con scorrevolezza ed espressività.

3.    Comprendere testi di diverso tipo, riconoscendone i vari scopi comunicativi.

4.    Individuare ed analizzare elementi e struttura di un testo.

5.    Leggere e recitare, con chiara dizione e giusta espressione, poesie, dialoghi, piccoli testi teatrali, sceneggiature di storie.

6.    Ricercare informazioni in testi di diversa natura e provenienza per scopi conoscitivi.

7.    Leggere testi di vario tipo, cogliendo l’argomento centrale, le informazioni essenziali, lo scopo comunicativo. Esprimere semplici pareri personali.

8.    Seguire istruzioni scritte per realizzare prodotti, svolgere un’attività, realizzare un procedimento, regolare comportamenti.

 

 

 

C.  SCRIVERE

1.      Produrre testi sintatticamente ed ortograficamente corretti, scanditi da esatta punteggiatura.

2.    Produrre varie forme di composizione, con il supporto di tecniche diverse.

3.    Produrre testi creativi sulla base di modelli dati (filastrocche, poesie, racconti brevi...).

4.    Scrivere una lettera indirizzata a destinatari noti, adeguando le forme espressive al destinatario e alla situazione di comunicazione.

5.    Esprimere per iscritto esperienze, emozioni, stati d’animo sotto forma di diario.

6.    Compiere operazioni di rielaborazione su testi (parafrasare, riscrivere, completare, sintetizzare...).

7.    Raccogliere idee, organizzarle per punti, pianificare la traccia di un testo.

 

D. RIFLETTERE SULLA LINGUA

1.      Riconoscere e denominare le parti principali del discorso.

2.    Analizzare gli elementi fondamentali della frase.

3.    Analizzare i sintagmi facili e complessi.

4.    Riflettere sulla funzione delle parole all’interno di una frase.

5.    Riflettere sulla funzione della punteggiatura.

6.    Individuare il significato delle parole.

7.    Utilizzare il vocabolario come strumento di consultazione.

8.    Comprendere ed utilizzare il significato di parole e termini specifici, legati a discipline di studio.


 

MUSICA

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

 

L’ALUNNO/A:

 

·       ESPLORA, DISCRIMINA ED ELABORA EVENTI SONORI DAL PUNTO DI VISTA QUALITATIVO, IN RIFERIMENTO ALLA LORO FONTE.

·       GESTISCE DIVERSE POSSIBILITA’ ESPRESSIVE DELLA VOCE, DI OGGETTI SONORI E STRUMENTI MUSICALI, IMPARANDO AD ASCOLTARE SE STESSO/A E GLI ALTRI.

·       FA USO DI SEMPLICI FORME DI NOTAZIONE MUSICALE.

·       ARTICOLA COMBINAZIONI TIMBRICHE, RITMICHE E MELODICHE, APPLICANDO SCHEMI ELEMENTARI; LE ESEGUE CON LA VOCE, CON IL CORPO E GLI STRUMENTI; LE TRASFORMA IN BREVI FORME RAPPRESENTATIVE.

·       ESEGUE, DA SOLO/A O IN GRUPPO, SEMPLICI BRANI STRUMENTALI E VOCALI APPARTENENTI A GENERI E CULTURE DIFFERENTI.

·       COGLIE GLI ASPETTI ESPRESSIVI E STRUTTURALI DI SEMPLICI BRANI MUSICALI.


 

            OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

 

 

1.      Usare la voce, gli strumenti, gli oggetti sonori per produrre, creare e improvvisare fatti sonori ed eventi musicali di vario genere.

 

2.    Leggere e creare sequenze sonoro-musicali.

 

3.    Eseguire in gruppo semplici brani vocali e strumentali, curando l’espressività, l’intonazione e l’accuratezza esecutiva.

 

4.    Riconoscere alcuni elementi di base all’interno di un brano musicale.

 

5.    Sensibilizzare all’ascolto, per cogliere gli aspetti espressivi e strutturali di un brano musicale, traducendoli in parola, azione motoria e segno grafico.

 

6.    Rappresentare gli elementi sintattici basilari di eventi sonori e musicali attraverso sistemi simbolici convenzionali e non.


 

ARTE E IMMAGINE

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

L’ALUNNO/A:

·     OSSERVA, DESCRIVE E LEGGE IMMAGINI STATICHE (FOTOGRAFIE, OPERE D’ARTE...) E IN MOVIMENTO (SPOT, BREVI FILMATI...).

·     FRUISCE DELLA LETTURA DI IMMAGINI PER PRODURNE DI NUOVE IN MODO CREATIVO, ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI TECNICHE E DI MATERIALI DIVERSI.

·     USA L’IMMAGINAZIONE A FINI ESPRESSIVI.

·     LEGGE GLI ASPETTI FORMALI DI ALCUNE OPERE; APPREZZA OPERE D’ARTE E OGGETTI DI ARTIGIANATO PROVENIENTI DA ALTRI PAESI.

·     CONOSCE ALCUNI BENI ARTISTICO-CULTURALI PRESENTI NEL TERRITORIO E METTE IN ATTO PRATICHE DI RISPETTO.


 

            OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A.  PERCETTIVO VISIVI

1.     Guardare ed osservare con consapevolezza immagini e oggetti presenti nell’ambiente.

B. LEGGERE

1.     Riconoscere gli elementi caratteristici del linguaggio visuale (linee, colori, forme, volume, spazio...) e del linguaggio audiovisivo (campi, sequenze, struttura narrativa...) ed individuare il loro significato espressivo.

2.    Trasformare in modo creativo un’immagine.

3.    Leggere e descrivere semplici immagini e opere d’arte, anche provenienti da culture diverse.

4.    Riconoscere ed apprezzare i principali beni culturali, ambientali e artigianali presenti nel proprio territorio.

C. PRODURRE

1.     Utilizzare strumenti per produrre immagini grafiche, pittoriche e  plastiche tridimensionali.

2.    Elaborare un progetto.

3.    Usare tecniche diverse.

4.    Usare materiali diversi.

5.    Usare creativamente conoscenze e tecniche acquisite.

6.    Sperimentare l’uso delle tecnologie della comunicazione per realizzare produzioni di vario tipo.

 

 

 

 

 

 

RELIGIONE CATTOLICA

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

L’ALUNNO/A:

·        RIFLETTE SU DIO CREATORE E PADRE, SUI DATI FONDAMENTALI DELLA VITA DI GESU’ E SA COLLEGARE I CONTENUTI PRINCIPALI DEL SUO INSEGNAMENTO ALLE TRADIZIONI DELL’AMBIENTE IN CUI VIVE; RICONOSCE IL SIGNIFICATO CRISTIANO DEL NATALE E DELLA PASQUA, TRAENDONE MOTIVO PER INTERROGARSI SUL VALORE DI TALI FESTIVITA’ NELL’ESPERIENZA PERSONALE, FAMILIARE E SOCIALE.

 

·        RICONOSCE CHE LA BIBBIA E’ IL LIBRO SACRO PER CRISTIANI ED  EBREI E  DOCUMENTO FONDAMENTALE DELLA NOSTRA CULTURA, SAPENDOLA DISTINGUERE DA ALTRE TIPOLOGIE DI TESTI, TRA CUI QUELLI DI ALTRE RELIGIONI; IDENTIFICA LE CARATTERISTICHE ESSENZIALI DI UN BRANO BIBLICO, SA FARSI ACCOMPAGNARE NELL’ANALISI DELLE PAGINE A LUI PIU’ ACCESSIBILI, PER COLLEGARLE ALLA PROPRIA ESPERIENZA.

 

·        SI CONFRONTA CON L’ESPERIENZA RELIGIOSA E DISTINGUE LA SPECIFICITA’ DELLA PROPOSTA DI SALVEZZA DEL CRISTIANESIMO; IDENTIFICA NELLA CHIESA LA COMUNITA’ DI COLORO CHE CREDONO IN GESU’ CRISTO  E SI IMPEGNANO PER METTERE IN PRATICA IL SUO INSEGNAMENTO; COGLIE IL SIGNIFICATO DEI SACRAMENTI E SI INTERROGA SUL VALORE CHE ESSI HANNO NELLA VITA DEI CRISTIANI.

 

 

 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

(adattamento degli obiettivi secondo l’Intesa del 1°agosto 2009)

 

DIO E L’UOMO

-        Descrivere i contenuti principali del credo cattolico.

-        Sapere che per la religione cristiana Gesù è il Signore, che rivela all’uomo il volto del Padre e annuncia il Regno di Dio con parole e azioni.

-        Cogliere il significato dei sacramenti nella tradizione della Chiesa, come segni della salvezza di Gesù e azione dello Spirito Santo.

-        Riconoscere avvenimenti, persone e strutture fondamentali della Chiesa cattolica sin dalle origini e metterli a confronto con quelli delle altre confessioni cristiane evidenziando le prospettive del cammino ecumenico

-        Conoscere le origini e lo sviluppo del cristianesimo e delle altre grandi religioni individuando gli aspetti più importanti del dialogo interreligioso.

 

LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI

-        Confrontare la Bibbia con i testi sacri delle altre religioni.

-        Decodificare i principali significati dell’iconografia cristiana.

-        Saper attingere informazioni culla religione cattolica anche nella vita di santi e di Maria, la madre di Gesù.

 

IL LINGUAGGIO RELIGIOSO

-        Intendere il senso religioso del Natale e della Pasqua, a partire dalle narrazioni evangeliche e dalla vita della Chiesa.

 

 

 

 

 

-        Individuare significative espressioni d’arte cristiana (a partire da quelle presenti nel territorio), per rilevare come la fede sia stata interpretata e comunicata dagli artisti nel corso dei secoli.

-        Rendersi conto che la comunità ecclesiale esprime, attraverso vocazioni e ministeri differenti, la propria fede e il proprio servizio all’uomo.

 

I VALORI ETICI E RELIGIOSI

-        Scoprire la risposata della Bibbia alle domande di senso dell’uomo e confrontarla con quella delle principali religioni non cristiane.

-        Riconoscere nella vita e negli insegnamenti di Gesù proposte di scelte responsabili, in vista di un personale progetto di vita.

 


 

CORPO, MOVIMENTO, SPORT

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

L’ALUNNO/A:

·       ACQUISISCE CONSAPEVOLEZZA DI SE’ ATTRAVERSO L’ASCOLTO E L’OSSERVAZIONE DEL PROPRIO CORPO.

·       ACQUISISCE CONTROLLO E AUTONOMIA ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL PROPRIO CORPO.

·       SVILUPPA MAGGIORE COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE.

·       UTILIZZA IL LINGUAGGIO CORPOREO PER COMUNICARE ED ESPRIMERE STATI D’ANIMO, ANCHE ATTRAVERSO ATTIVITA’ DI DRAMMATIZZAZIONE.

·       CONOSCE ALCUNE DISCIPLINE SPORTIVE.

·       COMPRENDE, ALL’INTERNO DELLE VARIE OCCASIONI DI GIOCO E DI SPORT, IL VALORE DELLE REGOLE E L’IMPORTANZA DI RISPETTARLE.

·       SI MUOVE NELL’AMBIENTE DI VITA E DI SCUOLA, RISPETTANDO ALCUNI CRITERI DI SICUREZZA PER SE’ E PER GLI ALTRI.

·       RISPETTA I TEMPI DI ESECUZIONE PREVISTI DALLE CONSEGNE.

·       RICONOSCE ALCUNI ESSENZIALI PRINCIPI RELATIVI AL PROPRIO BENESSERE.


 

            OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE

1.     Acquisire consapevolezza delle funzioni fisiologiche (cardio-respiratorie e muscolari) e dei loro cambiamenti in relazione e conseguenti all’esercizio fisico.

2.    Saper controllare e modulare l’impiego delle proprie capacità.

3.    Scoprire le modificazioni corporee associate allo sforzo.

4.    Essere in grado di rilassarsi.

 

 

B.  IL MOVIMENTO DEL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON LO SPAZIO E IL TEMPO

1.     Saper controllare e gestire le condizioni di equilibrio statico-dinamico del proprio corpo.

2.    Organizzare condotte motorie sempre più complesse, coordinando vari schemi di movimento in simultaneità e successione.

3.    Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi e successioni temporali delle azioni motorie.

4.    Organizzare il proprio movimento nello spazio in relazione a sé, agli oggetti, agli altri.

5.    Riconoscere e riprodurre semplici sequenze ritmiche con il proprio corpo e con attrezzi.

6.    Acquisire in forma ludica i concetti.

 

 

C.  IL LINGUAGGIO DEL CORPO COME MODALITA’ COMUNICATIVO-ESPRESSIVA

1.     Utilizzare, in forma originale e creativa, modalità espressive e corporee anche attraverso forme di drammatizzazione.

 

 

2.    Saper trasmettere contenuti emozionali.

3.    Elaborare semplici coreografie o sequenze di movimento.

 

D. IL GIOCO, LO SPORT, LE REGOLE E IL FAIR PLAY

1.     Rafforzare la partecipazione di tutti i bambini ad attività ludiche e a proposte di gioco-sport.

2.    Conoscere ed applicare correttamente modalità esecutive di alcuni giochi di movimento.

3.    Conoscere ed applicare i principali elementi tecnici semplificati, di diverse discipline sportive.

4.    Cooperare ed interagire positivamente con gli altri.

5.    Trasmettere il valore delle regole e l’importanza del rispetto delle stesse per la buona riuscita di ogni gioco e gioco-sport.

6.    Sviluppare la capacità di iniziativa e di soluzione dei problemi motori,  sapendo accogliere suggerimenti e correzioni.

7.    Partecipare attivamente ai giochi sportivi e non, organizzati anche in forma di gara, collaborando con gli altri, accettando la sconfitta, rispettando le regole.

8.    Favorire l’acquisizione dell’autocontrollo.

 

 

E.  SICUREZZA E PREVENZIONE, SALUTE E BENESSERE

 

1.         Conoscere ed utilizzare in modo corretto ed appropriato gli attrezzi e gli spazi di attività.

2.    Assumere comportamenti adeguati per la prevenzione degli infortuni e per la sicurezza dei vari ambienti di vita.

3.    Riconoscere il rapporto tra alimentazione, esercizio fisico e salute.


 

 

 

AREA

STORICO - GEOGRAFICA

 

 

STORIA

 

  TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

 

L’ALUNNO/A:

·        CONOSCE ELEMENTI SIGNIFICATIVI DEL PASSATO, DEL SUO AMBIENTE DI VITA.

·        CONOSCE GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL’EVOLUZIONE DELLA VITA E DELL’UOMO (PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA ANTICA).

·        COLLOCA EVENTI NELLO SPAZIO E NEL TEMPO.

·        ORGANIZZA LE CONOSCENZE IN QUADRI TEMATICI.

·        LEGGE E RICAVA SEMPLICI CONOSCENZE DA FONTI DI TIPO DIVERSO.

·        VERBALIZZA LE CONOSCENZE, IMPARANDO A RACCONTARE I FATTI STUDIATI E AD UTILIZZARE IL LINGUAGGIO SPECIFICO.

·        RICONOSCE LE TRACCE STORICHE PRESENTI SUL TERRITORIO.


 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A. ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI

1.     Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate.

2.    Usare cronologie e carte storico/geografiche per rappresentare le conoscenze studiate.

 

 

B.  USO DEI DOCUMENTI

1.     Ricavare informazioni da documenti di diversa natura, utili alla comprensione di un fenomeno storico.

2.    Rappresentare il sistema di relazioni tra i segni e le testimonianze del passato, presenti sul territorio vissuto.

 

 

C.  STRUMENTI CONCETTUALI E CONOSCENZE

1.     Usare la cronologia storica secondo la periodizzazione occidentale (prima e dopo Cristo); conoscere altri sistemi cronologici.

2.    Organizzare le conoscenze in quadri tematici.

3.    Confrontare quadri storici diversi per individuare analogie e differenze.

4.    Comprendere il significato del concetto di civiltà.

5.    Elaborare rappresentazioni sintetiche delle società studiate.

6.    Usare semplici testi e fonti documentarie per caratterizzare un quadro di civiltà.

7.    Conoscere il significato di termini specifici.

 

 

 

 

 

D. PRODUZIONE

1.     Confrontare aspetti caratterizzanti le diverse società, anche in rapporto al presente.

2.    Ricavare e produrre informazioni da grafici, tabelle, carte storiche, reperti iconografici.

3.    Organizzare e mettere in relazione le informazioni.

4.    Consultare testi di diverso genere, manualistici e non.

5.    Elaborare, in forma orale e scritta, gli argomenti studiati.

 


 

GEOGRAFIA

 

  TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

L’ALUNNO/A:

·       SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI, PUNTI CARDINALI E COORDINATE GEOGRAFICHE.

·       DISTINGUE GLI ELEMENTI NATURALI DA QUELLI ANTROPICI IN UNO SPAZIO GEOGRAFICO.

·       INDIVIDUA, CONOSCE E DESCRIVE GLI ELEMENTI CARATTERISTICI DEI PAESAGGI, CON PARTICOLARE ATTENZIONE A QUELLI ITALIANI.

·       CONOSCE E LOCALIZZA I PRINCIPALI ELEMENTI GEOGRAFICI FISICI ED ANTROPICI D’ITALIA.

·       UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’ PER INTERPRETARE CARTE GEOGRAFICHE.

·       RICAVA INFORMAZIONI GEOGRAFICHE DA UNA PLURALITA’ DI FONTI.


 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A. ORIENTAMENTO

1.                 Sapersi orientare nello spazio e sulle carte geografiche, utilizzando la bussola e i punti cardinali.

 

B.  CARTE MENTALI

1.      Estendere le proprie carte mentali al territorio italiano e a spazi più lontani.

 

C.  LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA’

1. Analizzare fatti e fenomeni, interpretando carte geografiche a diversa scala, carte tematiche, grafici, immagini.

2.    Conoscere i principali elementi costitutivi di una carta geografica.

3.    Comprendere il rapporto tra realtà vissuta e realtà rappresentata.

4.    Localizzare sulla carta geografica dell’Italia la posizione delle regioni fisiche e amministrative.

5.    Utilizzare l’atlante per ricercare informazioni.

 

D. PAESAGGIO

1.        Esplorare il territorio circostante attraverso l’esperienza diretta.

2.       Individuare gli elementi fisici ed antropici che caratterizzano i vari tipi di paesaggio.

3.       Conoscere e descrivere gli elementi caratterizzanti i principali paesaggi italiani, individuando analogie e differenze e gli elementi di particolare valore ambientale e culturale.

4.       Effettuare confronti fra realtà geografiche vicine e lontane.

 

 

 

 

E.  REGIONE

1.      Riconoscere i principali elementi caratteristici delle regioni italiane.

 

 

F.  TERRITORIO E REGIONE

1. Comprendere che il territorio è costituito da elementi fisici ed antropici connessi e interdipendenti e che l’intervento dell’uomo può ripercuotersi sull’ambiente.

2.    Individuare problemi relativi alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio naturale e culturale.

3.    Conoscere strategie per la tutela delle risorse ambientali.


 

 

AREA

MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA

 

 

MATEMATICA

 

  TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

L’ALUNNO/A:

§       SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA.

§       SI MUOVE CON SICUREZZA NEL CALCOLO SCRITTO E MENTALE CON I NUMERI NATURALI.

§       COMPRENDE IL VALORE POSIZIONALE DELLE CIFRE.

§       SA CONFRONTARE E ORDINARE I NUMERI NATURALI.

§       ESEGUE LE QUATTRO OPERAZIONI.

§       RAPPRESENTA E RISOLVE SITUAZIONI PROBLEMATICHE, UTILIZZANDO I QUATTRO OPERATORI.

§       AFFRONTA PROBLEMI CON STRATEGIE DIVERSE.

§       UTILIZZA RAPPRESENTAZIONI DI DATI PER RICAVARE INFORMAZIONI.

§       DESCRIVE E CLASSIFICA FIGURE IN BASE A CARATTERISTICHE GEOMETRICHE.

§       PERCEPISCE E RAPPRESENTA FORME, RELAZIONI E STRUTTURE CHE SI TROVANO IN NATURA E NON.

§       UTILIZZA STRUMENTI PER IL DISEGNO GEOMETRICO E I PIU’ COMUNI  STRUMENTI DI MISURA.

§       IMPARA A COSTRUIRE RAGIONAMENTI E A SOSTENERE LE PROPRIE TESI.

§       IMPARA A RICONOSCERE SITUAZIONI DI INCERTEZZA, UTILIZZANDO LE ESPRESSIONI ADATTE (“E’ PIU’ PROBABILE”, “E’ MENO PROBABILE”).

 

 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A. NUMERI

1.     Riconoscere il valore posizionale delle cifre in numeri naturali.

2.    Comporre, scomporre, ordinare e confrontare i numeri naturali.

3.    Eseguire addizioni e sottrazioni, utilizzando i numeri naturali.

4.    Eseguire moltiplicazioni in riga e in colonna, utilizzando i numeri naturali.

5.    Eseguire divisioni in riga e in colonna, utilizzando numeri naturali.

6.    Conoscere la divisione con resto fra numeri naturali; individuare multipli e divisori di un numero.

7.    Conoscere ed applicare le “proprietà delle quattro operazioni”.

8.    Conoscere ed applicare il concetto di frazione.

9.    Calcolare la frazione di un numero.

10. Confrontare e ordinare frazioni, usando la linea dei numeri.

11. Riconoscere ed usare la frazione come percentuale.

12.  Leggere e scrivere i numeri decimali.

13.  Riconoscere il valore posizionale delle cifre nei numeri decimali.

14.   Comporre, scomporre ordinare e confrontare i numeri decimali.

15.    Eseguire addizioni e sottrazioni con i numeri decimali.

16.   Eseguire moltiplicazioni con i numeri decimali.

17.   Eseguire divisioni con i numeri decimali.

18.   Interpretare i numeri interi negativi  in contesti concreti.

19.  Conoscere sistemi di notazioni dei numeri che sono stati in uso nel passato.

 

B.  SPAZIO E FIGURE

1.     Descrivere e classificare figure geometriche piane, identificando gli elementi significativi e le simmetrie.

2.    Utilizzare il piano cartesiano per localizzare punti.

3.    Disegnare figure geometriche e costruire modelli, utilizzando strumenti appropriati.

4.    Riconoscere figure ruotate, traslate e riflesse.

5.    Riprodurre una figura in scala.

6.    Determinare il perimetro di una figura.

7.    Determinare l’area di rettangoli, di triangoli e di altre figure per scomposizione.

 

C.  RELAZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI

1.     Classificare numeri, figure, oggetti in base ad una o più proprietà, realizzando adeguate rappresentazioni.

2.    Compiere semplici rilevamenti statistici e rappresentarli con diagrammi.

3.    Compiere semplici rilevamenti statistici e calcolare la media.

4.    In contesti diversi individuare, descrivere e costruire relazioni significative: analogie, differenze, regolarità.

5.    Conoscere le principali unità di misura.

6.    Passare da un’unità di misura ad un’altra.

7.    Utilizzare misure quadrate.

8.    Utilizzare misure di tempo e di valore.

9.    Individuare eventi certi, possibili, impossibili.

10.                       Usare i quantificatori (tutti, nessuno, tanti, pochi, soltanto...).

11. Individuare ed inventare situazioni problematiche in ambiti di esperienza.

12.                       Ricercare una o più soluzioni in particolari situazioni problematiche.

13.                       Rappresentare problemi con tabelle e grafici.

14.                       Riflettere sul procedimento risolutivo eseguito e confrontarlo con altre possibili soluzioni.

15.                       In un problema espresso a parole:

o      Individuare i dati;

o      Rappresentare graficamente la situazione;

o      Individuare ed utilizzare l’operazione necessaria alla soluzione;

o      Formulare una risposta coerente e completa.


 

SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI

 

  TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

 

L’ALUNNO/A:

·       FA RIFERIMEN TO  IN MODO PERTINENTE ALLA REALTA’ E ALLE ESPERIENZE CHE SVOLGE.

·       SI PONE DOMANDE E INDIVIDUA PROBLEMI SIGNIFICATIVI DA INDAGARE.

·       FORMULA IPOTESI E PREVISIONI, REGISTRA, CLASSIFICA, SCHEMATIZZA.

·       HA CAPACITA’ OPERATIVE, PROGETTUALI E MANUALI.

·       ANALIZZA E RACCONTA IN FORMA CHIARA CIO’ CHE HA FATTO E IMPARATO.

·       HA ATTEGGIAMENTI DI CURA VERSO L’AMBIENTE SCOLASTICO E DI RISPETTO VERSO L’AMBIENTE SOCIALE E NATURALE.

·       HA CURA DEL PROPRIO CORPO CON SCELTE ADEGUATE DI COMPORTAMENTI E DI ABITUDINI ALIMENTARI.

 


 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A. OGGETTI, MATERIALI E TRASFORMAZIONI

1.     Osservare, descrivere, confrontare, correlare elementi della realtà circostante.

2.    Cogliere somiglianze e differenze; operare classificazioni secondo criteri diversi.

3.    Individuare qualità e proprietà di oggetti e materiali.

4.    Riconoscere, osservare e descrivere interazioni di materiali.

5.    Indagare attraverso semplici situazioni sperimentabili ( miscele eterogenee e soluzioni, passaggi di stato...).

6.    Provocare trasformazioni e leggere analogie e differenze.

7.    Riconoscere gli elementi  che interagiscono in un fenomeno.

8.    Formulare ipotesi.

9.    Riconoscere invarianze e conservazioni nelle trasformazioni che caratterizzano l’esperienza quotidiana.

10.                       Riconoscere trasformazioni fisiche e chimiche.

11. Scoprire la causa di un fenomeno.

 

B.  OSSERVARE E SPERIMENTARE SUL CAMPO

1.      Effettuare osservazioni frequenti e regolari.

2.    Osservare le caratteristiche di un ambiente o di una porzione di  ambiente, per individuare connessioni e trasformazioni nel tempo.

3.    Indagare strutture del suolo, relazione tra suoli e viventi (ecosistema).

4.    L’acqua come risorsa.

5.    Distinguere e ricomporre le componenti ambientali, anche grazie all’esplorazione dell’ambiente naturale e urbano circostante.

6.    Cogliere la diversità tra ecosistemi.

 

 

 

7.    Individuare semplici interrelazioni tra organismi viventi e non viventi (le catene alimentari).

8.    Riconoscere la diversità dei viventi, differenze/somiglianze tra piante, animali e altri organismi.

9.    Acquisire familiarità con la variabilità dei fenomeni atmosferici e la periodicità su diverse scale temporali dei fenomeni celesti (dì/notte, fasi della luna, stagioni, moti, astri...).

10.                       Porsi domande e fare ipotesi sui fenomeni osservati ed effettuare verifiche.

 

 

C.  L’UOMO, I VIVENTI E L’AMBIENTE

1.      Studiare le percezioni umane (luminose, sonore, tattili...) e le loro basi biologiche.

2.    Indagare le relazioni tra organi di senso, fisiologia complessiva e ambienti di vita.

3.    Individuare elementari rapporti tra struttura e funzione negli organismi osservati/osservabili.

4.    Studiare il funzionamento degli organismi e comparare la riproduzione dell’uomo, degli animali e delle piante.

5.    Osservare ed interpretare le trasformazioni ambientali sia di tipo stagionale sia in seguito all’azione modificatrice dell’uomo.

6.    Cogliere l’idea di sviluppo sostenibile.

7.    Riflettere sul valore dei cibi per acquisire corrette abitudini alimentari.


 

TECNOLOGIA

 

  TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE

 

 

L’ ALUNNO/A:

§ OSSERVA ED USA OGGETTI E STRUMENTI COERENTEMENTE CON LE LORO FUNZIONI.

§ ESPLORA ED INTERPRETA IL MONDO FATTO DALL’UOMO.

§ REALIZZA OGGETTI SEGUENDO UNA DEFINITA METODOLOGIA PROGETTUALE.

§ ESAMINA OGGETTI E PROCESSI IN RELAZIONE ALL’IMPATTO CON L’AMBIENTE.

§ RILEVA LE TRASFORMAZIONI DI UTENSILI E DI PROCESSI PRODUTTIVI E LI INQUADRA NELLE TAPPE PIU’ SIGNIFICATIVE DELLA STORIA DELL’UMANITA’.

§ CONOSCE ED UTILIZZA STRUMENTI INFORMATICI IN SITUAZIONI DI GIOCO E DI RELAZIONE CON GLI ALTRI.

USA LE NUOVE TECNOLOGIE ED I LINGUAGGI MULTIMEDIALI PER SVILUPPARE IL PROPRIO LAVORO IN PIU’ DISCIPLINE.

§ ACQUISISCE I FONDAMENTALI PRINCIPI DI SICUREZZA.


                         

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

A. INTERPRETARE IL MONDO FATTO DALL’UOMO

1.        Individuare le parti di un oggetto e le sue modalità d’uso.

2.      Comporre e scomporre oggetti nei loro elementi.

3.      Esaminare oggetti e processi rispetto all’impatto con l’ambiente.

4.      Riconoscere il rapporto fra il tutto e una parte.

5.      Rappresentare oggetti e processi con disegni e modelli.

6.      Elaborare semplici progetti individualmente e in gruppo.

7.      Osservare oggetti del passato, rilevare trasformazioni e inquadrarli in tappe evolutive della storia dell’umanità.

8.      Usare oggetti, strumenti e materiali coerentemente con le funzioni ed i principi di sicurezza.

9.      Seguire istruzioni d’uso e saperle fornire.

10.  Utilizzare le Tecnologie della Informazione e della Comunicazione (TIC) nel proprio lavoro.

11.   Utilizzare semplici materiali digitali per l’apprendimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 LINGUA   INGLESE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMESSA

 

Nelle classi quarta e quinta, si cercheranno di sviluppare ulteriormente le abilità orali tramite attività comunicative che stimolino i bambini a personalizzare la lingua, a interagire con i compagni esponendosi sempre più individualmente, a fare scelte linguistiche adeguate alle varie situazioni riutilizzando il lessico e le strutture apprese e interiorizzate per trasferirle in altri contesti. Dal momento che questa fase richiede tempi più lunghi e distesi, sarà fondamentale assistere i bambini e coordinare i loro interventi fornendo loro modelli di dialoghi per rendere più significativo l’uso della lingua inglese. Si proporranno, inoltre, attività che portino a riflessioni linguistiche grammaticali implicite che conducano ad operare un’analisi contrastiva e comparativa tra l’ italiano e l’ inglese.

 

 

DAL COMUNE QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO

 – LIVELLO A 1

“ Comprende e utilizza espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e gli altri ed è in grado di porre domande e rispondere su particolari personali. Interagisce in modo semplice purché l’altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare”.

 

 

 

 

 

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

 

RICEZIONE ORALE (ASCOLTO)

-         Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano pronunciate lentamente e chiaramente; identificare il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti (esempio: la scuola, le vacanze, i passatempi, i propri  gusti…).

 

RICEZIONE SCRITTA (LETTURA)

-         Comprendere brevi e semplici testi accompagnati preferibilmente da supporti visivi cogliendo nomi familiari, parole e frasi basilari.

 

INTERAZIONE ORALE

-        Esprimersi linguisticamente in modo comprensibile, utilizzando espressioni e frasi adatte alla situazione e all’ interlocutore per interagire con un compagno o un adulto con cui si ha familiarità.

-        Scambiare semplici informazioni afferenti alla sfera personale.

 

PRODUZIONE SCRITTA

-   Scrivere semplici e brevi messaggi come biglietti  e lettere personali purché siano comprensibili.

CONTENUTI E ABILITA’

-         Produrre suoni e ritmi della L2 rispettando pronuncia e intonazione.

-         Conoscere, comprendere ed utilizzare espressioni di uso quotidiano e semplici frasi rispettandone pronuncia ed intonazione per soddisfare bisogni di tipo concreto.

-         Saper individuare e comprendere gli elementi principali di brevi messaggi, storie, descrizioni ascoltati o letti per ricavare informazioni e saperle riutilizzare in modo adeguato.

-         Scrivere semplici messaggi seguendo un modello dato.

-         Congedarsi e ringraziare.

-         Saper chiedere e dire l’ora.

-         Saper esprimere alcune delle principali azioni che si svolgono quotidianamente.

-         Conoscere il lessico relativo agli ambienti scolastici e alle materie.

-         Conoscere e saper esprimere la data ( uso dei numeri ordinali).

-         Conoscere il sistema monetario inglese.

-         Conoscere il lessico relativo ai mestieri.

-         Conoscere gli edifici della città e le loro funzioni.

-         Saper descrivere persone, luoghi e oggetti utilizzando il lessico conosciuto.

-         Chiedere e dare informazioni personali.

-         Comprendere ed eseguire istruzioni e procedure.

-         Conoscere le principali tradizioni e festività dei paesi lingua inglese.

 

N. B. Ogni insegnante si riserverà la possibilità di sostituire e/o integrare i contenuti declinati in base al testo adottato.

 

 

 



 

Versione senza grafica
Versione PDF


<<<  Torna alla pagina precedente


     
 


  Notizie

Home | News | Circolari | Scrivi
 inizio pagina 
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni